Culto dei Santi

Stampa
Scritto da Miky Visite: 2596

    

Sant'Erasmo: propagazione del Culto

A Santeramo si conserva una reliquia di Sant’ Erasmo, cioè il dito pollice che si trovò per miracolo nell’ Oratorio dell’ antico Monastero dei Benedettini. Presso detto Oratorio fu costruita una Chiesa più grande, cioè la vecchia Chiesa del Carmine, che fu la prima Parrocchia del nostro paese.

Come affermano i Padri Bollandisti, San Benedetto fu molto devoto di Sant’ Erasmo; a Roma il Patrizio Tertullo donò ai Benedettini varie possessioni tra cui un suo palazzo sul Monte Celio, dove fu costruito un monastero che fu dedicato a Sant’ Erasmo. In seguito il Monastero fu distrutto ed ora sul Monte Celio è rimasto solo il nome di una via, cioè Via Santo Erasmo.

    

La devozione verso questo grande Santo si estende in molti paesi d’Italia e anche in altre nazioni:

 

Inoltre Sant’ Erasmo è il patrono anche di altri comuni tra cui: 

 

A Napoli fu costruita una Chiesa dedicata al Santo nel rione di Granili con annessa Parrocchia.  Castel Sant’ Elmo a Napoli in origine si chiamava Castel Santo Erasmo, dove fu costruita anche una Cappella dedicata al nostro Santo.

Il corpo di Sant’ Erasmo restò nella città di Formia fino al IX secolo; quando poi Formia fu distrutta dai Saraceni, i Cristiani trasportarono il corpo del santo nella vicina città di Gaeta verso l’anno 840 e fu deposto sotto l’altare nella cripta della Cattedrale, dove tuttora è conservato con molta cura e venerazione.

I grandi miracoli che operò Sant’ Erasmo lo hanno reso celebre in diverse Nazioni, tanto che fu dichiarato il terzo Santo dei 15 Santi Protettori dell’Occidente, cioè dei Santi tutelari che si invocano nei maggiori pericoli.

Sant’ Erasmo si denomina volgarmente Sant’ Elmo, specialmente in provincia di Napoli, in Francia, nella Spagna e nel Portogallo. Questo però è un nome corrotto o per meglio dire abbreviato dai marinari del Mediterraneo dove il nostro santo è invocato contro le tempeste e gli altri pericoli del mare.

 

  Ulteriori approfondimenti su Sant'Erasmo

Fonte: testi vari biblioteca comunale

Wikipedia - enciclopedia libera

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Continuando la navigazione su questo sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni